sabato 15 settembre 2012

Una torta angelica accompagnata da un libro a lievitazione cioccolatosa.

Si ok il titolo non è un granché, però la torta e il libro che vi propongo sono molto gustosi! Priva di grassi con un tocco angelico ;p (mia madre brontola sempre che faccio torte troppo ipercaloriche, allora ho deciso di farne una leggere ma gustosa comunque) Si chiama Angel Cake, visto la leggerezza di questa torta possimao farcirla abbondantemente con un bel libro denso come il cioccolato.
Ecco la torta:

Angel cake
L’angel cake è una famosa torta americana che deve il suo nome all’estrema leggerezza sia della consistenza che degli ingredienti utilizzati.

Assolutamente priva di grassi, l’angel cake ha la particolarità di essere preparata solo con albumi d’uovo e di essere cotta in un particolare stampo a ciambella piuttosto alto e con il fondo piatto ed estraibile. 

Il risultato sarà un dolce morbidissimo, arioso e dal sapore molto delicato che potrete accompagnare o farcire con svariate creme o frutta fresca.
Ingredienti:
·         Cremor tartaro
5g
·         Farina 00
150g
·         Sale
1 pizzico
·         Uova albumi
480g (12 uova grandi)
·         Vanillina
1 bustina
·         Zucchero
250g

Preparazione:
Per preparare l'angel cake per prima cosa scaldate gli albumi a bagnomaria fino ad arrivare a 45°, mischiandoli delicatamente con una frusta (in alternativa utilizzate degli albumi a temperatura ambiente). Versate gli albumi in una planetaria e sbatteteli con le fruste; quando inizieranno a diventare bianchi aggiungete il cremor tartaro setacciato e poi dopo un paio di minuti lo zucchero e la vanillina, non tutto insieme, ma in tre volte. Sbattete ancora per qualche minuto e poi trasferite il tutto in una ciotola capiente.
Aggiungete la farina e il sale setacciati quindi mescolate con una spatola dal basso verso l’alto stando attenti a non smontare il composto. Ora non vi resta che versare il composto nello stampo, quindi ricoprite lo stampo con la carta forno. Se possedete lo stampo originale americano sopra descritto, la ricetta prevede che non venga imburrato prima di versare al suo interno il composto da cuocere, proprio per mantenere l’assenza di grassi all’interno della ricetta; una volta sfornato l’angel cake, dovrete incidere il perimetro interno (vicino al cono centrale) ed esterno con un coltellino a lama liscia e poi passarlo anche sul fondo della tortiera, quando l’avrete sganciata dal resto dello stampo. Se non possedete lo stampo apribile, ungete con pochissimo burro il vostro stampo e foderatelo con carta forno, in modo da potere sformare agevolmente l’angel cake una volta cotto. Versate a questo punto il composto nello stampo, e con una spatola o un coltello, passate di taglio in mezzo al composto per fare fuoriuscire eventuali bolle d’aria, quindi livellate per bene il composto e infornate in forno statico già caldo a 180° per circa 40 minuti. Trascorso il tempo indicato, provate a punzecchiare l’angel cake con uno stecchino da spiedino e se uscirà asciutto, potete sfornare il dolce, altrimenti cuocetelo per qualche altro minuto. Sformate l’angel cake immediatamente su di una gratella e lasciatelo raffreddare, poi spolverizzatelo con zucchero a velo vanigliato. Servite l’angel cake da sola oppure accompagnandola con creme e frutta.

Cosa ne pensate?? L'ho trovata su un blog di cucina. Per me, golosa come sono, era veramente squisita! Non ho finito! Abbinata a questa torta avevo pensato ad un libro con un significato molto dolce :) 

Titolo: Pane e Cioccolato
Autore: Sara-Kate Lynch
Editore: Sperling & Kupfer
Trama: Per Esme tutto comincia in una piccola boulangerie nel sud-ovest dellaFrancia. Complici l'odore acidulo del lievito, il profumo fragrante delle pagnotte cotte nel forno a legna e il tocco magico del panettiere, Louis Lapoine, l'innocente diciannovenne scopre i piaceri del pane e del sesso.Quindici anni più tardi, la ritroviamo nel bel mezzo della campagna inglese,in un'incredibile dimora a sei piani, con ventotto finestre e settantotto scalini, che divide con il marito, il figlio di quattro anni e mezzo, la nonna e un suocero intrattabile, nonché una capra incontinente e uno sciame di apibellicose. Esme è spenta, e sempre più convinta che il bellissimo Louis sia l'ingrediente segreto per ravvivare la sua insipida esistenza.

La mia recensione: * * * *
Mi ha commosso...
Ho pianto come una bambina alla fine. 
Ben scritto e in modo ironico sdrammatizza una serie di eventi che mai nessuno dobrebbe passare. 
L'unica osservazione che posso fare é sul personaggio di Rory, forse per avere 4 anni e mezzo si comporta in un modo un pò troppo da adulto. 
Per il resto bella storia...e sono proprio curiosa di fare il pane...

Fatemi sapere ;)
Baciotti :*

2 commenti:

  1. Che bel blog, complimenti! ^^ è una splendida idea quella di associare le ricette al cibo *_*
    Mi sono aggiunta con piacere ai tuoi Follower, e ti ho aggiunta anche su aNobii, spero non ti dispiaccia ^^ se ti va di passare a trovarmi ne sarei felice, anche io parlo di libri :)

    RispondiElimina
  2. Oh grazie mille!! :) passo volentieri! :)

    RispondiElimina